In Venice Today.com
PortuguŕsDeutschFranšaisEspa˝olEnglishItaliano


In Venice Today.com
PortuguŕsDeutschFranšaisEspa˝olEnglishItaliano



Booking.com

Padiglione Brasiliano, Brasile alla 59° Biennale di Venezia

Il Padiglione Brasiliano, Brasile alla 59° Biennale d'Arte di Venezia: gli artisti del padiglione, le opere, gli orari, i periodi, il costo dei biglietti e la sede espositiva.

Padiglion Brasiliano, Brasile alla 59° Biennale d'Arte 2022 a Venezia
Padiglione Brasiliano, Brasile della 59° Biennale d'Arte - Padiglione Brasile, Giardini della Biennale, Castello - Venezia

(Foto: courtesy of Jonathas de Andrade)

Mostra in corso dal 23 aprile al 27 novembre 2022

La 59° Biennale Arte aprirà al pubblico il 23 aprile. Ma il 20, 21 e 22 ci saranno le varie vernici ed eventi collaterali che sempre animano improvvisamente la vita artistica veneziana. La cerimonia di premiazione avverrà il giorno dell'apertura al pubblico.

Il titolo dell'edizione 59 della Biennale d'Arte è Il Latte dei sogni.

Vai alla pagina della 59° Biennale d'Arte di Venezia

Vai alla pagina degli Artisti della 59° Biennale d'Arte di Venezia

Padiglione Brasiliano, Brasile alla 59° Biennale D'Arte di Venezia

Titolo della mostra al Padiglione Brasiliano è Com o coração saindo pela boca.

Artisti: Jonathas de Andrade.
Curatori: Jacopo Crivelli Visconti .
Commissari: José Olympio da Veiga Pereira, president of the Fundação Bienal de São Paulo.
Sede: Padiglione Brasile, Giardini - Venezia

Comunicato Stampa del Padiglione Brasiliano, Brasile alla 59° Biennale di Venezia

La Fundação Bienal de São Paulo annuncia la nomina di Jacopo Crivelli Visconti a curatore della rappresentanza nazionale del Brasile alla 59. Esposizione Internazionale d'Arte – La Biennale di Venezia. Crivelli Visconti è stato il curatore generale della 34. Bienal de São Paulo – Faz escuro mas eu canto, conclusasi il 5 dicembre al Padiglione Ciccillo Matarazzo.

José Olympio da Veiga Pereira, presidente della Fundação Bienal, spiega che “sebbene sia tradizione nominare il curatore della Bienal de São Paulo alla curatela della rappresentanza brasiliana alla Biennale di Venezia, la scelta di Jacopo Crivelli Visconti è dovuta a l'ampia conoscenza che il curatore dimostra sull'arte contemporanea brasiliana, alla sua precedente esperienza come curatore di una rappresentanza nazionale a Venezia, alla sua buona integrazione con il team della Fundação, e all'affinità tra i concetti che ha mobilitato alla 34a Bienal de São e quelli proposti per la 59a Biennale di Venezia”.

Per rappresentare il Brasile alla biennale più antica del mondo, Crivelli Visconti, dal canto suo, ha selezionato l'artista Jonathas de Andrade (1982, Maceió, Alagoas, Brasile), uno degli artisti brasiliani più rappresentativi della sua generazione, e che ha anche partecipato alla 32a Bienal de São Paulo (2016) con la videoinstallazione O Peixe [The Fish], successivamente esposta, l'anno successivo, in una mostra personale al New Museum (New York, USA), e nella 29a Bienal de São Paulo ( 2010). “Nelle sue opere l'artista ricerca l'idea di una cultura autenticamente popolare, in tutti i sensi possibili e nella complessità intrinseca di questo termine. Prende il corpo – principalmente maschile – come asse guida per affrontare temi come il mondo del lavoro e del lavoratore, insieme all'identità dell'individuo nella contemporaneità, attraverso metafore che oscillano tra nostalgia, erotismo e politica e critica storica”, afferma il curatore del Padiglione brasiliano.

Per questa edizione Andrade sta lavorando a una nuovissima installazione, commissionata per questa occasione, in dialogo con il tema della Biennale di Venezia di quest'anno. “Questo invito è una sorpresa e un onore. Tuttavia, l'idea di rappresentare il Brasile oggi, ovunque, è una grande sfida soprattutto per la responsabilità nel contesto delle complessità cruciali che il Paese sta attualmente affrontando. Si spera che l'arte riesca a tradurre il nodo intricato che è vivere nei nostri tempi e riesca a ispirare sogni che ci permettano di sciogliere quei nodi", afferma l'artista.

Curata da Cecilia Alemani, la Biennale Arte 2022 prende il titolo dal libro The Milk of Dreams dell'artista surrealista Leonora Carrington (1917, Regno Unito – 2011, Messico). Nelle parole di Alemani, “l'artista descrive un mondo magico in cui la vita è costantemente rivisitata attraverso il prisma dell'immaginazione, e dove ognuno può cambiare, essere trasformato, diventare qualcosa e qualcun altro. La mostra ci porta in un viaggio immaginario attraverso le metamorfosi del corpo e le definizioni dell'umanità."

La partecipazione brasiliana alla 59. Esposizione Internazionale d'Arte – La Biennale di Venezia La prerogativa della Fundação Bienal de São Paulo di realizzare la rappresentanza ufficiale del Brasile alla 17. Esposizione Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia è il frutto di una partnership con il Segretariato Speciale per la Cultura, che è responsabile dello sviluppo delle politiche di scambio culturale del Paese. Le partecipazioni brasiliane alle mostre di Architettura e Arte organizzate dalla Biennale di Venezia hanno luogo nel Padiglione del Brasile, costruito nel 1964 su progetto di Henrique Mindlin, ed è gestito dal Ministero degli Affari Esteri.

Jonathas de Andrade

Jonathas de Andrade (1982, Maceió, AL) vive e lavora a Recife (PE). Sviluppa video, fotografie e installazioni basate sulla produzione di immagini, utilizzando strategie che fondono finzione, realtà, tradizione e negoziazione. Uno dei progetti più emblematici di de Andrade è l'insieme delle opere che ha raccolto al Museu do Homem do Nordeste [Museo dell'uomo del Nordest], concepito come possibile contrappunto al museo antropologico creato nel 1979 da Gilberto Freyre, che esiste ancora nella città di Recife. Mentre il museo originale esamina l'identità della regione e la storia coloniale sulla base di una raccolta di manufatti e oggetti storici, de Andrade sposta lo sguardo sulle persone, rivelando il modo in cui le relazioni di potere e di classe portano le tracce e le conseguenze della storia. Altri lavori recenti, come Jogos dirigidos (2019) e Infindável mapa da fome (2019-2020) scaturiscono da un processo di esperienza condivisa e scambio con comunità di diversi luoghi del Brasile che portano i segni di processi storici molto specifici, risultando autenticamente opere collaborative, dove la nozione di paternità si dissolve e diventa più complessa. Le sue mostre personali includono Jonathas de Andrade: Um pra Um, Museum of Contemporary Art Chicago, (2019); O Peixe, New Museum, New York, USA (2017); Su Fishes, Horses and Man, The Power Plant, Toronto, Canada (2017); Visões do Nordeste, Museo Jumex, Città del Messico (2017); e Museu do Homem do Nordeste, MAR – Museu de Arte do Rio, Rio de Janeiro, RJ (2014–2015). Le mostre collettive a cui ha partecipato includono in particolare la 16a Biennale di Istanbul, Turchia (2019); Artapes, MAXXI: Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo, Roma, Italia (2018); la 32a Bienal de São Paulo, SP (2016) e la 29a Bienal de São Paulo (2010); Unfinished Conversations: New Work from the Collection, MoMA – Museum of Modern Art, USA (2015); e Under the Same Sun: Art from Latin America Today, Museo Guggenheim, New York, USA (2014).

Jacopo Crivelli Visconti (1973, Napoli, Italia) è un curatore e critico d'arte con sede a San Paolo. Ha conseguito un dottorato di ricerca in architettura presso l'Universidade de São Paulo (USP), ed è stato membro del team della Fundação Bienal de São Paulo dal 2001 al 2009, quando ha curato la partecipazione ufficiale brasiliana alla 52. Esposizione Internazionale d'Arte – La Biennale di Venezia (2007). Tra i suoi lavori recenti: Untimely, Again, Padiglione della Repubblica di Chipre alla 58a Biennale di Venezia, Italia (2019); Brasile – Il coltello nella carne, PAC – Padiglione d'arte contemporanea, Milano, Italia (2018); Matriz do tempo real, Museu de Arte Contemporânea dell'Universidade de São Paulo, Brasile (2018); Memories of Underdevelopment, Museum of Contemporary Art di San Diego, USA (2017); Héctor Zamora – Dinâmica não linear, Centro Cultural Banco do Brasil, San Paolo, Brasile (2016); Sean Scully, Pinacoteca do Estado de São Paulo, Brasile (2015); e Ir para volver, 12a Bienal de Cuenca, Ecuador (2014). È autore del libro Novas derivatis (WMF Martins Fontes, São Paulo, Brasile, 2014; Ediciones Metales Pesados, Santiago, Cile, 2016). Collabora regolarmente con pubblicazioni di arte contemporanea, architettura e design, contribuisce a cataloghi di mostre e scrive monografie di artisti.

Informazioni utili per la visita

Orari: dal 23 aprile al 25 settembre dalle 11 alle 19. Dal 27 settembre al 27 novembre dalle 10 alle 18. Solo Arsenale fino al 25 settembre: venerdì e sabato apertura prolungata fino alle ore 20 (ultimo ingresso: 19.45). Chiuso il lunedì (tranne i lunedì 25 aprile, 30 maggio, 27 giugno, 25 luglio, 15 agosto, 5 settembre, 19 settembre, 31 ottobre, 21 novembre)
Biglietti: si invita a visitare il sito ufficiale. Biglietto intero in rete € 25.
Telefono: +39.041.5218711; fax +39.041.5218704
E-mail: aav@labiennale.org
Sito web: Biennale di Venezia


In Venice Today è aggiornato ogni giorno

© In Venice Today
Tutti i diritti riservati