Cookie Consent by PrivacyPolicies.com
In Venice Today.com
PortuguêsDeutschFrançaisEspañolEnglishItaliano


In Venice Today.com
PortuguêsDeutschFrançaisEspañolEnglishItaliano



Booking.com

Catalogo della Biennale di Venezia Il Latte dei Sogni

Il Catalogo della Biennale d'Arte di Venezia: gli artisti dei padiglioni, gli orari, i periodi, il costo dei biglietti e le sedi espositive.

Artisti Biennale d'Arte 2019 a Venezia
Catalogo della 59° Biennale d'Arte - Giardini, Corderie, Arsenale, Città di Venezia, Porto Marghera

La 59. Esposizione Internazionale d’Arte si intitola Il latte dei sogni. Prendendo il nome da un libro dell’artista surrealista Leonora Carrington (1917-2011), la Mostra porta le fantasiose creature dell’artista e molte altre figure di trasformazione come compagne di un viaggio immaginario attraverso le metamorfosi del corpo e dell’umanità.

Il Volume I del Catalogo è dedicato alla Mostra Internazionale, a cura di Cecilia Alemani. Il volume comprende, oltre al contributo originale della Curatrice, un’ampia serie di illustrazioni e saggi critici di un gruppo di scrittrici e pensatori oggi all’avanguardia. Ogni artista è introdotto da un testo critico, oltre che da un apparato iconografico. Le cinque presentazioni storiche sono contestualizzate da approfonditi saggi artistico-culturali di scrittrici e scrittori internazionali, tra cui Matthew Biro, Jennifer Higgie, Alyce Mahon, Azalea Seratoni e Christina Sharpe. Matthew Biro rilegge un gruppo di artiste dell’avanguardia storica attraverso la lente del cyborg, mentre Jennifer Higgie analizza il rapporto tra corpo, produzione testuale e linguaggio. Meditando sull’iconologia del “contenitore”, Christina Sharpe si interroga su come esso possa essere considerato nella nostra epoca di crescenti catastrofi climatiche, economiche, sociali e migratorie.

Il volume include anche una vasta gamma di testi originali, conversazioni e ristampe che catturano molte delle riflessioni sollevate dalla Mostra, mentre guardano a preoccupazioni più ampie e altrettanto urgenti. Rosi Braidotti introduce la svolta femminista postumana, Silvia Federici e Silvia Rivera Cusicanqui dialogano attorno all’idea del re-incanto, Marina Warner presenta sette storie di metamorfosi e testimonianze ispirate dalla pandemia. Scrivendo sull’“altro” dall’umano, Mel Y. Chen, Jack Halberstam e Igiaba Scego riflettono su forme di pensiero non antropocentrico all’interno delle relazioni tra specie; Yuk Hui e Achille Mbembe ci invitano a ripensare il nostro rapporto con le tecnologie e con la Terra; Chiara Valerio costruisce un personale glossario di termini ispirati dalla pandemia.

Le artiste e gli artisti che partecipano alla Mostra sono introdotti dai testi di Isabella Achenbach, Liv Cuniberti, Manuela Hansen, Melanie Kress, Stefano Mudu, Ian Wallace e Madeline Weisburg. Ogni artista è presentato con un apparato iconografico a colori.

Autrici e autori: Cecilia Alemani, Matthew Biro, Rosi Braidotti, Leonora Carrington, Mel Y. Chen, Silvia Federici, Silvia Rivera Cusicanqui e Manuela Hansen, Jack Halberstam, Donna Haraway, N. Katherine Hayles, Jennifer Higgie, Yuk Hui e Anders Dunker, Ursula K. Le Guin, Alyce Mahon, Achille Mbembe, Marta Papini, Igiaba Scego, Azalea Seratoni, Christina Sharpe, Chiara Valerio e Marina Warner.

Il Volume II del Catalogo presenta le Partecipazioni Nazionali e gli Eventi Collaterali della 59. Esposizione Internazionale d’Arte. Include testi riccamente illustrati che esplorano i vari progetti in mostra a Venezia dal 23 aprile al 27 novembre 2022.

L’identità grafica della Biennale Arte 2022 e il design delle pubblicazioni si devono allo studio A Practice for Everyday Life, Londra. L’identità grafica esplora i concetti di fluidità, identità, umano e non umano, re-incanto e frammentazione, mettendo le opere delle artiste e degli artisti al centro dell’immagine. Pur essendo lavori molto diversi fra loro, i particolari di alcune opere di Belkis Ayón, Felipe Baeza, Tatsuo Ikeda e Cecilia Vicuña hanno in comune la rappresentazione dell’occhio, simbolo di importanti temi che attraversano la Mostra: sogni, identità, corpo e riflessione. Gli occhi, applicati secondo varie modalità lungo le declinazioni dell’identità grafica, guardano il pubblico, dando vita a elementi inanimati come muri, ponti e barche sui quali saranno installati. Metamorfico è anche il design tipografico del titolo: il lettering classico si trasforma in qualcosa di più ibrido, organico e multidimensionale.

I volumi editi da La Biennale di Venezia sono acquistabili nei bookshop di Mostra e nelle principali librerie in Italia e all’estero.

Padiglioni della 59° Biennale D'Arte di Venezia

Padiglione Albania Lumturi Blloshmi. Dall’inizio
Padiglione Arabia Saudita After Illusion  بعد   توهم
Padiglione Australia Desastres
Padiglione Austria Invitation of the Soft Machine and Her Angry Body Parts
Padiglione Azerbaigian Born to Love
Padiglione Brasile Com o coração saindo pela boca
Padiglione Bulgaria There you are
Padiglione Canada 2011 ≠ 1848
Padiglione Cile Turba Tol Hol-Hol Tol
Padiglione Danimarca We Walked the Earth
Padiglione Estonia Orchidelirium: An Appetite for Abundance
Padiglione Filippine Andi taku e sana, Amung taku di sana/All of us present, This is our gathering
Padiglione Finlandia Close Watch
Padiglione Francia Dreams Have No Titles
Padiglione Ghana è Black Star — The Museum as Freedom
Padiglione Germania Relocating a Structure
Padiglione Giappone Dumb Type New Work 2022
Padiglione Gran Bretagna Feeling Her Way
Padiglione Grecia Oedipus In Search Of Colonus
Padiglione Guatemala Inclusione
Padiglione Irlanda Gather
Padiglione Islanda Perpetual Motion
Padiglione Italia Storia della Notte e Destino delle Comete
Padiglione Lettonia Selling Water by the River
Padiglione Lussemburgo Faraway So Close
Padiglione Messico Hasta que los cantos broten
Padiglione Mongolia A Journey Through Vulnerability
Padiglione Paesi Nordici The Sàmi Pavilion
Padiglione Repubblica Araba Siriana The Syrians People: a common Destiny
Padiglione Spagna Correción
Padiglione Stati Uniti d'America Sovereignty
Padiglione Svizzera The Concert
Padiglione Ucraina Fountain of Exhaustion. Acqua Аlta
Padiglione Ungheria Dopo i sogni: ho il coraggio di sfidare i danni
Padiglione Uganda Radiance, They Dream in Time
Padiglione Uzbekistan Dixit Algorizmi. Il Giardino della Conoscenza
Padiglione Venezuela Tierra, País, Casa, Cuerpo

Informazioni utili per la visita

Orari: dal 23 aprile al 25 settembre dalle 11 alle 19. Dal 27 settembre al 27 novembre dalle 10 alle 18. Solo Arsenale fino al 25 settembre: venerdì e sabato apertura prolungata fino alle ore 20 (ultimo ingresso: 19.45). Chiuso il lunedì (tranne i lunedì 25 aprile, 30 maggio, 27 giugno, 25 luglio, 15 agosto, 5 settembre, 19 settembre, 31 ottobre, 21 novembre)
Biglietti: si invita a visitare il sito ufficiale. Biglietto intero in rete € 25.
Telefono: +39.041.5218711; fax +39.041.5218704
E-mail: aav@labiennale.org
Sito web: Biennale di Venezia


In Venice Today è aggiornato ogni giorno

© In Venice Today
Tutti i diritti riservati