In Venice Today.com


In Venice Today.com





Booking.com

Festa della Salute a Venezia: 21 novembre 2019 a Dorsoduro Venezia

La Festa della Salute a Venezia: la data, gli orari delle messe, il dipinto della Madonna della Salute, la storia e le informazioni utili per arrivare.

La Salute
Festa della Salute - Città di Venezia

(Foto: La Chiesa della Salute - Bernardo Bellotto)

Evento in corso il 21 novembre

La Festa della Salute di Venezia si celebra in novembre per commemorare la fine della peste avvenuta nel 1631, per intercessione della Vergine invocata dal Doge un anno prima, che uccise circa 80.000 veneziani.

È tradizione per i cittadini attraversare il Ponte votivo, costruito appositamente ogni anno sul Canal Grande, per salire le gradinate della Basilica della Salute ed entrare nel capolavoro barocco del Longhena per accendere un cero e onorare la Vergine con il proprio voto oltre che chiederne l'intercessione per la salute.

Durante tutto il giorno si celebrano messe ogni ora nella Basilica della Salute e la mattina una di esse sarà officiata direttamente dal Patriarca di Venezia. Nel pomeriggio ci sarà un omaggio musicale alla Madonna e la sera si concluderà con la Celebrazione della Compieta (preghiera della sera).

Anche se l'aspetto religioso è dominante in questa festa, negli anni sono sorte numerose iniziative e soprattutto si è sviluppato l'aspetto ludico dell'evento: numerosi banchi di dolciumi e palloncini colorati rallegrano infatti il giorno della Salute rendendolo un evento memorabile anche e soprattutto per i più piccoli visitatori.

L'immagine venerata della Maria della Salute

Si trova al centro dell'altare maggiore il dipinto medievale venerato dai veneziani in quanto ad essa fu riconosciuto di aver interceduto con Cristo per la cessione della peste.
L'opera provenne dall'isola di Creta arrivando a Venezia il 26 febbraio 1670 insieme al grande Capitano da Mar (e successivamente doge) Francesco Morosini. Questi, dopo aver resistito ai Turchi per 21 anni difendendo l'ultima città di Creta in mano ai Veneziani, Candia, si decise infine a firmare una pace col nemico riuscendo a lasciare la città con l'Icona della Chiesa di San Tito, la madonna che fu posta sull'altare alla Salute. I candiotti la chiamavano Madonna di San Tito o Mesopanditissa in quanto a lei riconoscevano il ruolo di mediatrice di pace avuto per poner fine nel 1264 al conflitto che aveva coivolto veneziani e candiotti per cira 60 anni. Quindi l'immagine era la protettrice di Candia da secoli.

Il Capitano da Mar Morosini tornò da Candia a Venezia entrando in laguna il 26 febbraio 1670 con l'immagine della Madonna di San Tito issata sull'albero maestro della sua nave.

Il 21 novembre 1670 la tela della Madonna della Salute fu affissa sopra l'altare maggiore del nuovo tempio dando principio alla Festa della Salute.

Il Dipinto della Madonna della Festa della Salute

Il dipinto presenta una Vergine in abito purpureo e volto ambrato con espressione seria nell'atto di presentare in braccio al pellegrino Gesù Bambino. Questi regge in una mano il Rotolo della Rivelazione e con l'altra benedice il credente.
Il Rotolo della Rivelazione o Apocalisse dell'apostolo Giovanni incitava i fedeli delle 7 Chiese dell'Asia Minore a resistere contro le persecuzioni dei Romani fornendo una soluzione escatologica rivelando l'avvento del Regno di Dio e fornendo poi informazioni sul Giorno del Giudizio, in realtà un periodo di 1000 anni in cui si deciderà la salvezza delle anime dei credenti. In Apocalisse si dice che "il Leone della tribù di Giuda, la radice di Davide, ha vinto e può aprire il rotolo e i suoi sette sigilli" ossia Gesù.

Quindi la Madonna regge - donandolo all'umanità - il Figlio di Dio, unico e solo Salvatore in grado di offrire la salvezza o salus. Il Bambino Gesù è il Verbo, Parola di Dio che benedisce i fedeli che lo accolgono.

Nel 2016, dopo un anno di restauro a cura di Save Venice inc. e il Comitato Italiano per Venezia con il contributo della Maison Piaget, la Madonna della Salute tornò al suo posto sull'altare maggiore della Basilica della Salute.

La Salute

Curiosità sulla Festa della Salute di Venezia

I veneziani, prima di recarsi verso l'altare maggiore, sogliono fermarsi al centro della basilica dove nel pavimento si trova un tondo che riporta al centro l'iscrizione latina UNDE ORIGO - INDE SALUS e la data MDCXXXI. Si pensa che il gesto sia di buon auspicio per la realizzazione dell'intercessione per la propria salute.

La scritta si può tradurre Da dove (proviene) l'origine, da lì (viene) la salute. Dato che Venezia fu fondata il 25 marzo 421, ossia il Giorno dell'Annunciazione in cui l'Arcangelo Gabriele si presentò a Maria pronunciando le seguenti parole: «Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te». Insomma Venezia dalla sua fondazione si sentiva figlia di Maria il che spiega l'origine del detto latino che significa "dall'origine proviene la salute".

Il Ponte Votivo sul Canal Grande della Festa della Salute

Ogni anno il Comune dà in carico ad Insula - che è responsabile anche della costruzione dei ponti votivi del Redentore e di San Michele - di costruire per la Festa della Salute un ponte provvisorio posto sopra barche che unisce le due sponde del Canal Grande a S. Maria del Giglio (nel Sestiere di San Marco) con la sponda opposta di Dorsoduro. Il ponte rimane allestito provvisoriamente per qualche giorno consentendo ai migliaia di fedeli e visitatori di andare in pellegrinaggio alla Basilica della Salute per l'omaggio alla Madonna e la tradizionale accensione del cero per avere l'intercessione della Vergine per la propria salute.

Storia della Festa della Salute di Venezia

Nella Venezia cinquecentesca, che cercava di trovare una nuova posizione sullo scacchiere internazionale dopo la scoperta dell'America e l'apertura di nuove tratte commerciali che la vedevano esclusa, provata per la temperie delle guerre che avevano visto come oppositori il Papato, la Francia e l'Impero, una terribile pestilenza si abbatté sulla popolazione nel 1575-77 mietendo decine di migliaia di vittime.

Solo 54 anni dopo l'evento pestilenziale si ripresentò su una popolazione ancora stremata inducendo innumerevoli superstizioni e disperazione nel popolo tanto da indurre il Doge di Venezia a far ricorso al divino: il 22 ottobre del 1630 Nicolò Contarini pronunciò voto pubblico per l'erezione di un edificio di culto da intitolare alla Salute, chiedendo l'intercessione della Vergine per la fine della peste. I lavori iniziarono subito e si conclusero nel 1687 a epidemia ormai scongiurata, a prezzo però di una mattanza della cittadinanza tristemente memorabile: morì un veneziano su quattro.

La Salute Restò però a commemorare un evento triste una celebrazione che impone a tutta la cittadinanza di ricordare e di riunirsi all'interno della fabbrica della Salute in uno dei giorni di festa più sentiti da Venezia tutta. Passando sul Ponte votivo, costruito appositamente ogni anno sul Canal Grande, una folla di cittadini raggiunge l'altra riva dove si erge il capolavoro barocco del Longhena per accendere un cero e onorare la Vergine con il proprio voto.

A fianco dell'aspetto religioso che è dominante in questa festa, sono sorte a latere numerose iniziative e soprattutto si è sviluppato l'aspetto ludico dell'evento: numerosi banchi di dolciumi e palloncini colorati rallegrano il giorno della Salute rendendolo un evento memorabile anche e soprattutto per i più piccoli visitatori.

Storia e Architettura della Basilica di Santa Maria della Salute

La fondazione della chiesa risale all'epidemia di peste del 1630 che uccise 80.000 veneziani. Allora il patriarca Giovanni Tiepolo esprimeva il voto per la costruzione di una chiesa mariana e - terminata la pestilenza che uccise tra l'altro anche il patriarca e lo stesso doge - il susseguente concorso architettonico fu vinto dall'architetto Baldassare Longhena. Questi creò un capolavoro non soltanto dal punto di vista artistico ma anche dal punto di vista prettamente tecnico e ingegneristico. Le peculiarità del suolo veneziano rendono infatti la costruzione di una cupola di grandi dimensioni estrememamente difficile e per assicurare la stabilità statica furono collocati più di un milione di pali lignei a sostegno delle fondazioni. La chiesa fu inaugurata nel 1687, cinque anni dopo la morte del suo architetto.

La chiesa si erge all'ingresso del Canal Grande, quasi di fronte a Piazza San Marco, e come il Redentore anche la Salute è ancora oggi annualmente (il 21 novembre) la metà di un pellegrinaggio, per il quale viene creato un ponte votivo su pontoni. È la Festa della Salute, una delle celebrazioni ancora oggi più sentite dagli abitanti di Venezia.

L'esterno è dominato dall'altissima cupola circondata da monumentali volute che assumono anche la funzione di contrafforti. L'interno colpisce per le sue forme austere ordinate con grande limpidezza. Attorno all'ottagono centrale si sviluppa un ambulacro al quale si aggiunge una corona di cappelle. Il scenografico altar maggiore, collocato sotto una seconda cupola, mostra la Vergine trionfante affiancata dalle personificazioni di Venezia (a sinistra) e della Peste sconfitta (a destra).

La chiesa possiede eccellenti pale d'altare di Luca Giordano, Pietro Liberi e soprattutto di Tiziano. Degno di visita è anche la sacrestia (dipinti di Tintoretto, Giuseppe Salviati, Palma il Giovane etc.) sul cui altare si può ammirare la bellissima pala di San Marco affiancato dai santi Sebastiano, Rocco, Cosma e Damiano, opera giovanile di Tiziano (1511).

Come arrivare alla Festa della Salute di Venezia

La Festa della Salute si svolge a Dorsoduro nella zona attorno alla Basilica della Salute che è il fulcro della festa. Il Ponte Votivo unisce le sponde di Santa Maria del Giglio a San Marco e San Gregorio a Dorsoduro:

Arrivo a Santa Maria del Giglio-Ponte Votivo: linea 1 con fermata SANTA MARIA DEL GIGLIO.

Arrivo a Dorsoduro: linea 1 con fermata SALUTE o linea 6 con fermata SPIRITO SANTO.

1) Linea 1 vaporetto VeneziaLinea 1 Piazzale Roma ↔ Canal Grande (tutte le fermate) ↔ Lido Santa Maria Elisabetta

PIAZZALE ROMA "C" - FERROVIA "E" - RIVA DE BIASIO - SAN MARCUOLA - SAN STAE - CA' D'ORO - RIALTO MERCATO - RIALTO "B" - SAN SILVESTRO - SANT'ANGELO - SAN TOMÀ - CA' REZZONICO - ACCADEMIA "A" - GIGLIO - SALUTE - S.MARCO VALLARESSO - SAN MARCO SAN ZACCARIA (Danieli) "F" - ARSENALE - GIARDINI - SANT'ELENA - LIDO SANTA MARIA ELISABETTA "D" e viceversa.

Corse ogni 20 minuti dalle 5.01 alle 6.21. Poi ogni 12 minuti dalle 6.21 fino alle 20.45 e ogni 20 minuti fino alle 23.41 (ultima corsa da Piazzale Roma). Dal Lido ultima corsa alle 23.06.
Cliccate qui per la tabella ACTV con gli orari di tutte le fermate Linea 1

2) Linea 6 Actv VeneziaLinea 6 Piazzale Roma ↔ San Basilio ↔ Zattere ↔ Giardini ↔ Lido S.M.E.

P.LE ROMA - ZATTERE - SPIRITO SANTO - GIARDINI BIENNALE - S.ELENA - LIDO S.M.E. SANTA MARIA ELISABETTA "E" e viceversa

Corse da lunedì a sabato ogni 20 minuti dalle 6.21 alle 20.21 (ultima corsa da Piazzale Roma). Dal Lido ultima corsa alle 20.02. La domenica dalle 7.21 alle 19.21.
Cliccate qui per la tabella ACTV con gli orari di tutte le fermate Linea 6


In Venice Today è aggiornato ogni giorno

© In Venice Today
Tutti i diritti riservati